PSE. Craxi: l’anomalia PD in Europa si collocherà nel deserto

 
“La questione della collocazione internazionale, come confermato da una recente intervista di Tonini, finirà col lacerare il Partito democratico”.
“Questo autorevole dirigente politico, infatti, è venuto a spiegarci che il Pse sarebbe un mero residuo del passato quando, al contrario, esso rappresenta l’unica famiglia in Europa che lega la maggioranza assoluta dei voti dei cittadini europei, nonché i più prestigiosi leader di Governo e di opposizione dei 27 Paesi membri dell’Unione”.
“Mi domando se, di fronte a tali considerazioni offensive, i compagni D’Alema e Fassino non abbiano nulla da dire. In particolar modo quest’ultimo, reduce assieme a me addirittura da un summit internazionale del Pse tenutosi in questi giorni a Bruxelles”.
“Proprio non si capisce in quale ‘deserto’ vogliano collocarsi i democratici italiani, posto che non esiste al mondo iniziativa politica paragonabile a quella dell’Internazionale socialista, tanto meno in Europa”.
“La posizione di Tonini, espressa a nome della Segreteria nazionale del Pd, è dunque grave e preoccupante. Questa ‘sortita’ riapre una questione, all’interno della sinistra italiana, che in realtà non si era mai chiusa a causa dell’anomalia politica rappresentata proprio dal Partito democratico e dalla profonda ambiguità che sta contrassegnando la sua esistenza nell’ambito delle scelte internazionali”.
“Io credo che il Vicepresidente dell’Internazionale socialista debba, a questo punto, assumere un’iniziativa di chiarimento definitivo nell’interesse generale di tutta la sinistra di ispirazione socialista del Paese: il Ps, dal canto suo, non potrà che incoraggiarla in questa direzione”.
PSE. Craxi: l’anomalia PD in Europa si collocherà nel desertoultima modifica: 2008-11-07T22:53:42+01:00da iorioluigi
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “PSE. Craxi: l’anomalia PD in Europa si collocherà nel deserto

Lascia un commento